Chi è online

 32 visitatori online

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Continuando ad usare questo sito si accetta implicitamente di utilizzare i cookie.

informativa >>


 

 
Telefono Rosso al Gemelli per i futuri e i neo-genitori PDF Stampa E-mail

 

telefono rosso al gemelli per i futuri e i neo-genitori

 

Tratto da "Il Messaggero" del 5 Febbraio 2014.

Gravidanza, un momento di felicità, ma anche di ansie e interrogativi per entrambi i genitori. Per dare risposte giuste, dissipare dubbi e spiegare dinamiche non sempre comprensibili c'è il Telefono Rosso, un servizio del Policlinico Gemelli per sostenere mamme e papà.

Parte integrante dell'istituto di clinica Ostetricia e Ginecologica dell'università Cattolica policlinico Gemelli, mette a disposizione dei futuri e neo-genitori il numero 06-305007 (attivo lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle ore 13, il martedì e giovedì dalle 14 alle 18, al costo della telefonata), per fornire informazioni circa la prevenzione dei difetti congeniti del neonato oppure offrire consulenza preconcezionale.

 

Nel 2013 le consulenze sono state 80.804 (nel 98 agli esordi erano 4000). l Telefono Rosso si rivolgono donne che aspettano e in allattamento, ma anche coppie che non riescono ad avere un figlio e medici. Nel 83% dei casi è la donna a chiamare; nel 7% il marito; nel 5% il medico e nel 5% un familiare. A chiamare sono soprattutto donne intorno ai trent'anni, delle quali il 76% nei primi tre mesi di gravidanza.

 

"Il Telefono Rosso - spiega Alessandro Caruso direttore di Ostetricia e sala parto - nasce dall'esigenza di fornire, in tempi brevi e modi semplici, una consulenza telefonica al alto contenuto specialistico, circa i rischi presunti o reali".

Il motivo prevalente delle chiamate riguarda l'esposizione ai farmaci (79%), infezioni (11%), radiazioni diagnostiche (9%).

"Una sola telefonata - aggiunge Caruso - e risultata sufficiente per concludere la consulenza nell'80% dei casi", talvolta la paziente ha avuto bisogno di particolari.

 

Francesca Filippi

Il Messaggero

 

 

Powered by © noiaprenatalis.it