Chi è online

 59 visitatori online

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Continuando ad usare questo sito si accetta implicitamente di utilizzare i cookie.

informativa >>


 

 
MAGI EUREGIO, la Cooperativa Sociale di Ispirazione Cattolica che lotta contro le malattie genetiche rare PDF Stampa E-mail

 

logo magi euregioDiagnosi, ricerca e assistenza ai malati: una rete sempre più in espansione verso la solidarietà e la tutela della persone fragili.

MAGI EUREGIO è nata due anni fa a Bolzano aderente a Federazione Santità (Federsanità) di Confcooperative. La Cooperativa gestisce servizi socio-sanitari ed educativi allargando il suo campo d’intervento anche alle Diagnosi, alla Ricerca ed alla Cura delle malattie genetiche rare. Il suffisso Euregio deriva dal nome delle Euro-Regione di lingua Tedesca che vede come centro Bolzano e come periferia il Tirolo (al Nord) ed il Trentino (al Sud). All’interno dell’Euro-Regione sono attive strategie di sanità europea e in quest’ottica trova piena giustificazione anche le attività di MAGI EUREGIO.

 

Il RUOLO DELLA COOPERAZIONE SANITARIA ALLA LOTTA ALLE MALATTIE GENETICHE RARE sarà il tema del convegno che si tiene il 9 luglio Roma, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri in Largo Chigi. (…)

Il congresso si sviluppa in tre sessioni. La prima sessione vede come protagonista la sinergia tra MAGI EUREGIO e l’Azienda Ospedaliera Universitaria senese “Ospedale Santa Maria alle Scotte” sul tema delle malformazioni vascolari congenite (…)

La seconda sessione riguarderà le attività assistenziali e di ricerca del mondo cooperativo Cattolico ed in particolare di Federazione Sanità-Confcooperative e cisi interroga sul valore aggiunto di essere strutture sanitarie Cattoliche. Esemplare sarà il filmato, del Registra Dr. Stefano Pastore, relativo alle attività del Prof. Giuseppe Noia (Clinica ostetrica e ginecologica, Policlinico Agostino Gemelli di Roma), egli ha dimostrato che in una patologia prenatale detta Igroma Cistico, che vede normalmente indirizzati i feti all’aborto, è possibile attraverso un monitoraggio attendo della gravidanza, far nascere il 67% di bambini perfettamente sani. Il risultato di questa iniziativa di sanità Cattolica è da ritenersi strabiliante sia dal punto di vista scientifico che in termini di vite umane salvate. MAGI EUREGIO sta anche mettendo a punto dei test genetici da sperimentare in fase prenatale con il Prof. Giuseppe Noia, al fine di indirizzare il test prenatale verso un’opzione terapeutica. L’assenza dei laboratori di genetica Cattolici ha infatti visto adoperare la diagnosi genetica prenatale in maniere troppo sbilanciata verso l’aborto piuttosto che verso opzioni terapeutiche, il risultato dell’Igroma Cistico sta dimostrando come sia percorribile questa nuova strada. (…)

 

Leggi l’articolo completo tratto da Avvenire del 9 luglio 2015 …

 

 

 

Powered by © noiaprenatalis.it