Chi è online

 78 visitatori online

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Continuando ad usare questo sito si accetta implicitamente di utilizzare i cookie.

informativa >>


 

 
Il Concepito? E' Uno di Noi PDF Stampa E-mail

 

giuseppe noiaAvvenire 8 Febbraio 2013

Parla Giuseppe Noia: la scienza non ha dubbi!

E' davvero uno di Noi?
L’iniziativa dei cittadini europei si fonda sulla risposta positiva. Ma che il figlio nel seno materno sia, appunto, un figlio e perciò un «bambino » come quando sarà nato,
é intuizione ed esperienza che ha sempre accompagnato le madri e i padri. Oggi la scienza dimostra rigorosamente che l’embrione é un essere umano unico ed irripetibile.

Eppure proprio oggi é continuo il tentativo di negarne l’umanità. O meglio: si cerca di distogliere lo sguardo dal figlio per concentrarlo esclusivamente sulla donna-madre ed il figlio, quando proprio non si può far a meno di parlarne é chiamato grumo di cellule, oppure prodotto del concepimento, ovulo fecondato, vita potenziale, progetto di vita. Al massimo, quando proprio non si può negarne l’evidenza che si tratta un essere umano, si tenta di sfuggire alle conseguenze replicando:
«ma non é una persona».
L’iniziativa "Uno di Noi" non vuole essere soltanto una raccolta di firme. Deve diventare anche un’occasione straordinaria di approfondimento culturale.
Essa vuole costringere le Istituzioni europee a guardare l’uomo nella fase iniziale della sua esistenza. Perciò la campagna delle adesioni all’Iniziativa dei cittadini sarà accompagnata e sostenuta dalle testimonianze di coloro che hanno una particolare autorità per rispondere: i medici, che vedono il processo del generare e del nascere e i giuristi che conoscono la logica del diritto moderno.
Abbiamo cominciato con l’interrogare Giuseppe Noia, docente All’Università Cattoica di Medicina dell’età pre-natale.


Il concepito é davvero uno di noi?
Non c’é bisogno che risponda personalmente. Risponde tutta la scienza moderna. Mi basta rileggere ciò che ha scritto Helen Pearson su Nature nel 2002: «Your destiny from day one», «il tuo destino dal giorno uno». Il giorno uno è il giorno dell’embrione unicellulare (lo zigote) che attraverso un protagonismo biologico realmente e scientificamente evidente si presenta con le sue cinque caratteristiche:
1- L’identità umana ( 46 cromosomi ).
2- La sua individualità e unicità (modelli matematici ne hanno dichiarato la fondatezza).
3- La sua autonomia biologica (noi tutti siamo vissuti per circa 8 giorni, dal concepimento fino all’impianto, senza fonti ossigenative dirette ma utilizzando l’energia trasformata dal materiale tubarico che circondava le nostre cellule iniziali)
4- L’assunzione del piano-programma genomico con una «capacità manageriale» eccezionale tra gli esseri viventi con gradualità, continuità e coordinazione.
5- Il cross-talk ( colloquio incrociato con la madre ) ai fini dell’impianto e della tolleranza immunologica. Giustamente il British Medical Journal, nell’editoriale del novembre
2000, affermava: «l’embrione non è passivo: è un attivo direttore d’orchestra del suo impianto e del suo destino futuro»

 

 

Powered by © noiaprenatalis.it